MIGRAZIONE IN CLOUD : è il momento? - ilverdevafuori
15857
post-template-default,single,single-post,postid-15857,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.4,qode-theme-bridge | shared by vestathemes.com,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

MIGRAZIONE IN CLOUD : è il momento?

MIGRAZIONE IN CLOUD

MIGRAZIONE IN CLOUD : è il momento?

Migrazione in cloud: è giunto il momento?

La risposta giusta è: SI! E’ il momento giusto per la migrazione in cloud. Ci sono però molti fattori che devono essere presi in considerazione per capire quale sia la modalità giusta.

Le possibilità sono:

IBRIDO

Se c’è un server o un server NAS già attivo in azienda la soluzione migliore potrebbe essere questa. Si affianca un server remoto o un servizio di file hosting remoto per avere un backup in cloud di tutti i dati al di fuori dei propri locali (peraltro prescritto dalla legge).

PURO

Se non c’è un server disponibile oppure il server è diventato obsoleto è possibile prendere in considerazione la possibilità di avere un server remoto e lavorare direttamente sui file in cloud. C’è da mettere in conto qualche piccola latenza e rallentamento. Se però la Vostra connessione è performante ( almeno una 30 MEGA) ed il volume dei dati è relativamente piccolo, è possibile scegliere questa opzione.

ALTERNATIVO

La migrazione in cloud dei Vostri dati può essere effettuata tramite suite di software collaborativo come Office 365 o Google Drive. I file verranno creati (o caricati se già esistenti) direttamente in cloud. Sarà possibile visualizzarli con qualsiasi computer (saranno necessarie le credenziali di accesso) senza nemmeno avere installata la suite Office. Ottima soluzione per chi si sposta spesso o accede da varie postazioni ai propri file.

 

Siamo sempre disponibili, anche solo per una chiaccherata circa i tuoi file e quale sia il modo migliore per spostarli in cloud.

 

Tags:
,